Contrasti

Buona parte dei miei lavori si svolge sulle colline metallifere, una catena di monti boscosi, che si estende da nord-ovest a sud-est, della parte alta della maremma. Ai più questa remota area geografica non dirà nulla ma in realtà è stata un crocevia di storia e cultura e anticamente era rinomata per l’ottima qualità dei suoi metalli custoditi nelle viscere di questi monti. L’ascia di Otzi la mummia del Similaun, rinvenuta in Val Venosta, risalente ad un epoca di oltre cinquemila anni fa, era costituita da rame estratto da queste miniere. Questa storia mi ricorda di quanto noi uomini siamo di natura nomade, di quanto abbiamo bisogno di muoverci di conoscere e di confrontarci, per arricchirci non solo di danaro ma di volti, di storie, di sapori e paesaggi. Paesaggi come quelli che vedo mentre al tramonto scendo da queste sinuose stradine fra gli irti monti boscosi e d’un tratto vedi il mare dorato e le nuvole rosse e arancioni che strappano l’azzurro verso l’isola d’Elba. Contrasti di colori e di situazioni. Amo i contrasti. Amo vivere senza etichettare nessun tipo di lavoro. Ho lavorato nel centro delle capitali, vicino alle tombe di uomini che hanno fatto la storia, ho lavorato a casa di principi, conti e marchesi, senatori degli Stati Uniti d’America ma ho lavorato anche a casa di minatori, piccoli agricoltori, pescatori all’isola di Capraia, marinai a Piombino. Ho lavorato e lavoro in parchi storici e per alberi al lato di un vecchio podere, per una donna anziana addolorata e stanca della vita, che mi ha affidato la cura di un giovane salice, piantato dal figlio defunto, o per la quercia dove la moglie ha adagiato le ceneri del marito. Ascolto storie di proprietari di terreni e boschi e di come hanno fatto a guadagnarsele. C’è dunque un albero che vale più di un altro? Come gli uomini dei tempi di Otzi, viaggio, nomade, da un albero all’altro, da un luogo all’altro, imparo dagli alberi che ritrovo dopo anni e osservo quale effetto hanno avuto i miei interventi. Non mi concedo a tutti e sono selettivo, scelgo chi ama gli alberi, così la volta successiva sarà una persona che ama gli alberi a scegliere me. 

Ovunque mi trovo il rituale è sempre lo stesso, osservo prima l’albero, da terra, gli giro attorno, lo studio in silenzio e intanto il sangue dentro di me accelera il flusso, lo sento scorrere caldo nelle braccia, nel petto, nelle cosce, sento i miei muscoli iniziare a vibrare, lancio la sagola. La corda è fissata su in alto afferro il mio akimbo e salgo in alto spingendo sulle gambe. La tecnica del treeclimbing oggi ha qualcosa di molto simile alla perfezione è diventata essenziale, compatta, si sale, si pendola, si salta e si corre sui rami, istintivamente. Tutto queste sensazioni si ripetono ovunque, su una betulla in Svezia, su un ikori nella Est Coast, su una quercia rossa nell’Ontario o nel leccio a cinque chilometri da casa. Come una bellissima canzone la tecnica acquisita ti accompagna nei viaggi più belli e ti risveglia ricordi, ogni volta che la fai scorrere nelle tue mani, ogni volta che ti lanci appeso ad una corda. Ebbene ogni volta che risalto a bordo del mio vecchio truck, per tornare a casa è proprio come riascoltare quelle vecchie canzoni con le quali siamo cresciuti. In fondo è una vita molto semplice, estremamente semplice e prego e mi impegno affinché rimanga così ma è un patrimonio di cui mi sento custode ed ecco perché amo così tanto insegnare… ma questa è un altra storia.

Un altro giorno come tanti altri

Ormai avevo fatto i soldi, tanti soldi da non sapere nemmeno da che parte iniziare a contarli e se mai lo avessi fatto, forse mi ci sarebbe voluto circa dieci giorni a finire il conto. Avevo perso la motivazione per il mio lavoro, sentivo che tutto era così ordinariamente ciclico, non provavo più  emozioni ad arrampicarmi in alto sulle chiome e compiere evoluzioni acrobatiche per giungere ai rami più lontani e mi detti al vagabondaggio.

Continua a leggere Un altro giorno come tanti altri

Catene

Regolarmente vivo delle epoche che io chiamo catene, che si accrescono, raggiungono un apice e poi collassano in se stesse. Generalmente le catene, durano a lungo, anche anni. Iniziano prendendo forma su abitudini o azioni che svolgo abitudinariamente, in principio non ne ho coscienza, poi mi rendo conto che sto diventando abile nel compiere un certo tipo di lavoro, o in un modo di relazionarmi con le persone, nel persuaderle.

Continua a leggere Catene

Al volante

Lo stereo dell’auto trasmette una vecchia canzone degli anni ottanta che mi riporta alle immagini televisive di Mike Buongiorno che grida allegriaaa. Gli anni ottanta sono stati pervasi da musica commerciale, dall’esplosione di programmi televisivi edulcorati dallo sfarzo più assoluto ma anche da un desiderio, anabolizzato di avventura, dalla musica che all’epoca sfondava nelle hit settimanali…

Continua a leggere Al volante

Ecco il perché del Kettlbell Lifting

Un uomo della mia età può decidere di fare molte cose è questo che penso quando sto con le mani in tasca e mi guardo intorno con lo sguardo da ebete fermo ad un angolo del centro immerso nell’unico raggio di sole di un autunno anticipato ma in fondo non è poi così vero, posso solo fare ciò che mi è concesso ma sento che ho ancora qualcosa da spendere in termini di emozioni, posso ancora guardare la vita con la smorfia di quando ballo un brano rock degli anni ottanta e dirgli “guardami tu mi hai messo il piede sul collo tante volte cara puttana ed hai sempre vinto tu ma io mi rialzo e continuo a ballare come un folle, scoordinato ma pieno di folle energia”. Ed allora cosa può fare un treeclimber per far si che la forza di gravità e le intemperie non lo schiaccino e non lo consumino?? Deve tenersi in forma deve continuare a ballare.

Continua a leggere Ecco il perché del Kettlbell Lifting

Davvero pensate che gli alberi desiderino essere abbracciati?

La foresta è l’opposto della civiltà è il luogo, dove l’uomo non abita non vive e dove non ha mai vissuto è l’esatto contrario della città. A metà strada tra la foresta e la città vi sono i boschi. I boschi sono allevamenti. Di foreste vere, primarie, in Italia vi è rimasto ben poco, vi sono però boschi antichi, in altre parole coltivazioni di alberi abbandonate da quasi un secolo o più dove gli alberi hanno ripreso i loro spazi e le loro proporzioni, proprio grazie al fatto che l’uomo si è dimenticato di loro.
Continua a leggere Davvero pensate che gli alberi desiderino essere abbracciati?